Benvenuti su LibreriaPirola.it !
Chiamaci 055.2396320
In offerta!

Abusi in conto corrente

55,00 52,25

Abusi in conto corrente

Categoria: Product ID: 20077

Descrizione

Abusi in conto corrente

Il conto corrente costituisce il principale strumento di gestione della liquidità e rappresenta il contratto ¿base¿ sul quale vengono appoggiati altri rapporti e forniti servizi. Il volume analizza le diverse applicazioni del conto corrente, intese come pluralità di forme di affidamento, e le segnalazioni alle centrali dei rischi bancari, concentrandosi in particolare sugli aspetti patologici del rapporto, con un¿esaustiva disamina dei filoni di contenzioso.

INDICE SOMMARIO
Parte I
DEL CONTO CORRENTE IN GENERALE
CAPITOLO I
IL CONTO CORRENTE COME STRUMENTO DI GESTIONE
DELLA LIQUIDITÀ
di Chiara Boschetti e Lorenzo Zanella
1. Introduzione ai rapporti bancari in generale ……………. . 3
2. Le funzioni del conto corrente, sua nascita e gestione ……….. . 8
3. Le annotazioni nel conto corrente …………………. . 18
4. Il “conto corrente di base” …………………….. . 21
5. La cointestazione del conto corrente ………………… . 27
6. La chiusura del conto ……………………….. . 33
CAPITOLO II
L’AFFIDAMENTO DI FATTO
di Erika Cacciatore
1. L’affidamento bancario: tentativo di definizione e necessarie premesse) . 39
2. Il c.d. fido bancario …………………………. . 41
3. I vari tipi di fido ………………………….. . 42
4. Il fido di fatto: (doverose) considerazioni generali sulla forma dei contratti
bancari ……………………………….. . 43
5. Sulla forma del contratto di affidamento………………. . 45
6. Le pronunce della Corte di Cassazione sulla forma del contratto di
affidamento …………………………….. . 48
7. La giurisprudenza di merito sulla forma del contratto di apertura di credito. 51
8. Apertura di credito ed apertura allo scoperto: una delicata distinzione
interpretata dall’Arbitro Bancario e Finanziario ………….. . 53
9. Parametri discretivi utili ad accertare l’esistenza di un fido di fatto … . 57
10. Limite massimo del fido di fatto ………………….. . 58
11. Effetti processuali………………………….. . 61
12. Effetti sostanziali ………………………….. . 64
CAPITOLO III
GLI AFFIDAMENTI IN CONTO CORRENTE:
IL FIDO PER ELASTICITÀ DI CASSA
di Giuseppe Cappuccio
1. Gli affidamenti in conto corrente: introduzione…………… . 67
2. Il conto corrente: linee generali…………………… . 67
3. Il fido bancario: definizione …………………….. . 69
3.1. Il fido bancario: le condizioni…………………. . 70
3.2. Il fido bancario: la fase istruttoria ………………. . 70
3.3. Il fido bancario: costi di accesso e di funzionamento …….. . 71
3.4. Il fido bancario: lo scoperto di conto corrente ed il suo costo … . 73
4. La revisione del fido ………………………… . 74
5. Il rinnovo del fido …………………………. . 75
6. La riduzione del fido ………………………… . 76
7. La revoca del fido: giusta causa e preavviso…………….. . 77
8. Il contrasto alla revoca del fido: il piano di rientro…………. . 80
9. Il recesso dal contratto di affidamento ……………….. . 82
CAPITOLO IV
GLI AFFIDAMENTI IN CONTO CORRENTE: LE ANTICIPAZIONI
E GLI SCONTI BANCARI
di Erika Cacciatore
1. L’anticipazione bancaria ………………………. . 83
2. Anticipazione bancaria propria ed anticipazione bancaria impropria . . . 86
3. La compensazione del pegno irregolare a garanzia di anticipazione … . 88
4. Lo sconto bancario …………………………. . 91
5. Il castelletto di sconto ……………………….. . 91
6. Castelletto di sconto ed effetti sulla prescrizione: le risposte giurisprudenziali ………………………………… . 93
7. Lo sconto a forfait …………………………. . 98
8. Lo sconto e il factoring: analogie e differenze……………. . 98
9. Gli anticipi bancari …………………………. . 99
CAPITOLO V
GLI AFFIDAMENTI IN CONTO CORRENTE: ANTICIPI ESTERO
di Erika Cacciatore
1. Il c.d. fido estero e l’affidamento in conto corrente mediante anticipo
estero. Definizioni e prime distinzioni. ……………….. . 101
2. Il c.d. Anticipo Export: ipotesi di definizione ……………. . 105
3. Finanziamenti in valuta estera per imprese e per consumatori …… . 106
4. La prospettiva giurisprudenziale ………………….. . 109
VI INDICE SOMMARIO
CAPITOLO VI
IL FACTORING
di Giuseppe Cappuccio
1. Origini storiche …………………………… . 111
2. Il factoring: introduzione………………………. . 111
3. Definizione …………………………….. . 112
4. Presupposti soggettivi ……………………….. . 114
5. Presupposti oggettivi ………………………… . 114
6. Inquadramento normativo ……………………… . 115
7. Deroghe alla disciplina della cessione del credito………….. . 116
CAPITOLO VII
L’APERTURA DI CREDITO IPOTECARIO
di Stefano Chiodi
1. Premessa: una casistica da “esplorare”……………….. . 119
2. Il conto corrente ipotecario: l’apertura di credito “rotativo” in conto
corrente con garanzia ipotecaria ………………….. . 119
3. L’apertura di credito ipotecario: il caso dell’edilizia e dell’immobiliare . . 120
4. In conclusione ……………………………. . 122
CAPITOLO VIII
LE SEGNALAZIONI ALLA CENTRALE DEI RISCHI
DI BANCA D’ITALIA
di Biagio Riccio
1. Premessa ………………………………. . 123
2. Fondamento normativo: struttura della Centrale Rischi, sua finalità … . 125
3. Presupposti per la segnalazione alla Centrale Rischi ………… . 134
4. Attività informativa ed obbligo di istruttoria. La riforma del T.U.B.:
l’obbligo di preavviso per i consumatori; sua dubbia estensibilità per le
imprese. La segnalazione a sofferenza ……………….. . 138
5. La problematica del credito contestato ………………. . 146
6. La tutela giudiziaria: il provvedimento d’urgenza. La segnalazione ritorsiva. Il risarcimento del danno, la sua prova. La lesione contrattuale ed
extracontrattuale. La perdita di chance. ………………. . 149
7. Proposta di riforma, de iure condendo, del potere sanzionatorio nei confronti degli intermediari in caso di errore nella segnalazione alla centrale
rischi ………………………………… . 152
CAPITOLO IX
LA COPERTURA DAL RISCHIO DI TASSO E DI CAMBIO
di Stefano Chiodi
1. Breve premessa …………………………… . 155
INDICE SOMMARIO VII
2. Alcuni complementi tecnici …………………….. . 155
2.1. Interest rate cap………………………… . 158
2.2. Interest rate floor e currency option ……………… . 160
2.3. Interest rate collar ………………………. . 162
2.4. Interest rate swap – I.R.S. …………………… . 163
3. La valutazione dei contratti derivati: il fair value e la differenza con il MtM. 164
4. I derivati ed i riflessi civilistico-fiscali………………… . 166
5. Quadro normativo: la visione d’insieme ………………. . 167
5.1. La definizione di derivato …………………… . 169
5.2. Il concetto di efficacia e rapporto con l’efficienza ………. . 170
5.3. Scenari probabilistici: un accenno ………………. . 171
5.4. Profilazione della clientela ………………….. . 172
5.5. Adeguatezza e appropriatezza ………………… . 178
5.6. La forma del contratto ed i doveri informativi ………… . 186
5.7. Violazione degli obblighi di trasparenza …………… . 194
5.8. Giudizio sulla meritevolezza del contratto ………….. . 196
5.9. Vizi dell’oggetto del contratto ………………… . 196
6. Conclusioni …………………………….. . 200
Parte II
IL CONTENZIOSO
CAPITOLO X
LA CONSULENZA TECNICA DI PARTE E D’UFFICIO
di Stefano Chiodi
1. Il Consulente Tecnico di Parte …………………… . 203
1.1. La pre-analisi …………………………. . 205
1.2. Gli assunti normativi ed i quesiti da recepire in “perizia” ….. . 208
1.3. Predisposizione della Relazione Tecnica …………… . 209
1.4. Fase stragiudiziale e ruolo del C.T.P. …………….. . 210
2. Il contraddittorio in corso di C.T.U. ………………… . 212
2.1. I vizi della relazione del C.T.U. ……………….. . 217
2.2. La contestazione della C.T.U. ………………… . 218
2.3. La valutazione del Giudice ………………….. . 219
CAPITOLO XI
I VIZI DI FORMA
di Rachele Sannino
1. Premessa: la forma del contratto ………………….. . 221
2. L’art. 117 T.U.B. e la forma dei contratti bancari …………. . 224
3. Apertura di credito: requisiti di forma ……………….. . 229
4. Conseguenze della mancanza di forma scritta……………. . 234
5. Il c.d. contratto monofirma …………………….. . 238
6. Conclusioni …………………………….. . 244
VIII INDICE SOMMARIO
CAPITOLO XII
L’ONERE DELLA PROVA
di Giovanni Lauro
1. Onere della prova ed onere di allegazione …………….. . 245
2. L’onere della prova della banca e del correntista: differenze e conseguenze
processuali. Eccezione di prescrizione (brevi cenni) ………… . 247
3. L’azione di ripetizione del correntista: omessa produzione del contratto e
(di parte) degli estratti conto ……………………. . 253
4. Assolvimento dell’onus probandi del correntista attraverso la produzione
dei c.d. scalari ……………………………. . 262
5. Mancata ottemperanza all’ordine di esibizione ex art. 210 c.p.c., rimedi:
azione di rendiconto e giuramento estimatorio …………… . 265
6. L’apertura di credito e il c.d. “fido di fatto” ……………. . 270
CAPITOLO XIII
RIMESSE SOLUTORIE E RIPRISTINATORIE
di Giovanni Lauro
1. Premessa: la “nascita” della distinzione tra rimesse solutorie e rimesse
ripristinatorie ……………………………. . 273
2. La prescrizione delle rimesse ed il termine di decorrenza: tra allegazione e
prova. Le soluzioni delle Sezioni Unite del 2010 e del 2019. ……. . 276
3. Eccezione di prescrizione e fido di fatto: la prova della natura delle rimesse. 281
4. Le rimesse su conto affidato, conto promiscuo, salvo buon fine e figure
affini; il cd. fido mobile: risvolti pratici……………….. . 284
CAPITOLO XIV
GLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA
di Dario Nardone
1. Cenni embrionali della disciplina prima del Codice Civile del 1942 … . 295
2. La trasparenza successivamente al Codice Civile ………….. . 300
3. L’attuale assetto normativo in tema di trasparenza bancaria ……. . 303
4. I principali istituti della trasparenza a protezione del cliente bancario e del
correntista in particolare ………………………. . 306
CAPITOLO XV
DETERMINATEZZA E DETERMINABILITÀ
di Dario Nardone
1. I requisiti dell’oggetto del contratto ………………… . 325
2. Lo specifico requisito della determinatezza (o determinabilità) dell’oggetto
del contratto…………………………….. . 326
2.1. Il tasso di interesse e limiti della determinabilità per relationem . . . 329
INDICE SOMMARIO IX
2.2. Altri profili di indeterminabilità del tasso di interesse: tenor, fixing, base giornaliera………………………… . 338
2.3. Determinatezza e ius variandi (rinvio) ……………. . 341
2.4. Determinatezza ed oneri commissionali nel contratto di conto corrente (rinvio) …………………………. . 344
3. Determinatezza e fideiussioni omnibus (rinvio)…………… . 353
CAPITOLO XVI
LO IUS VARIANDI
di Antonino La Lumia
1. Ius variandi, trasparenza ed equilibri contrattuali: genesi ed evoluzione di
una normativa “a formazione progressiva” …………….. . 355
2. La specifica approvazione della clausola e le condizioni modificabili… . 365
3. La sussistenza di un giustificato motivo per la variazione unilaterale . . . 370
4. La comunicazione alla clientela: forma, preavviso e diritto di recesso . . . 384
CAPITOLO XVII
ANATOCISMO
di Stefano Chiodi
1. Premessa ………………………………. . 393
2. Quadro normativo …………………………. . 393
3. Le origini: il divieto anatocistico “ante 2000” ……………. . 395
4. La “pari periodicità”: periodo dal 22 aprile 2000 al 31 dicembre 2013 . . . 396
5. Il divieto ed il vuoto regolamentare del periodo dal 1 gennaio 2014 al 14
aprile 2016 ……………………………… . 400
6. Il ritorno dell’anatocismo: il compromesso della periodicità annuale . . . 402
CAPITOLO XVIII
LA COMMISSIONE DI MASSIMO SCOPERTO
E DI DISPONIBILITÀ FONDI
di Domenico Fioretti e Stefano Chiodi
1. Introduzione…………………………….. . 403
2. Funzione additiva della C.M.S. …………………… . 407
3. Quadro storico e normativo della legge anti-usura …………. . 408
4. Il contenuto della sentenza della Cassazione n. 12965/2016 …….. . 414
5. Il contenuto della sentenza della Cassazione Sezioni Unite n. 16303/2018. 416
5.1. Cass. Sezioni Unite n. 16303/2018 al vaglio della fondatezza tecnica. 421
6. Conclusioni …………………………….. . 426
CAPITOLO XIX
L’USURA NEGLI AFFIDAMENTI IN CONTO CORRENTE
di Antonino La Lumia e Stefano Chiodi
1. Premessa metodologica ………………………. . 431
X INDICE SOMMARIO
2. Le “emanazioni” di Banca d’Italia …………………. . 431
2.1. Le categorie omogenee ……………………. . 431
2.2. Le formule di Banca d’Italia …………………. . 440
2.3. Conclusioni sull’omogeneità …………………. . 447
3. L’usura contrattuale e l’arresto giurisprudenziale sulla “sopravvenuta” . . 448
3.1. Quadro normativo ………………………. . 448
3.2. Una norma penale dai riflessi civilistici ……………. . 449
3.3. Usura originaria e usura sopravvenuta nei conti correnti: i rapporti
tra ius variandi e applicazione dell’art. 1815 c.c. ……….. . 451
CAPITOLO XX
LA REVOCA DELL’AFFIDAMENTO
di Antonino La Lumia e Francesco Namio
1. Osservazioni generali………………………… . 459
2. Il recesso nei contratti a tempo determinato ……………. . 460
3. Il recesso nei contratti a tempo indeterminato …………… . 462
4. Modalità di esercizio ………………………… . 465
5. La responsabilità della banca nella concessione del credito …….. . 469
6. Gli effetti del recesso e l’obbligo di restituzione delle somme …… . 473
7. La decadenza dal beneficio del termine ………………. . 475
8. Recesso e compensazione ……………………… . 476
9. Presupposti al ricorrere dei quali possa configurarsi un “onere” dell’eser- cizio del diritto di recesso ……………………… . 477
10. Altre cause di estinzione………………………. . 479
11. Casistica ………………………………. . 480
12. (Segue) con particolare riferimento alle conseguenze dell’accertamento
giudiziario dell’ingiustificato recesso ………………… . 482
Indice analitico ……………………………… . 487

Informazioni aggiuntive

Autore

Editore

Edizione

Pagine

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Abusi in conto corrente”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *