Benvenuti su LibreriaPirola.it !
Chiamaci 055.2396320
In offerta!

Diritto penale dell’informatica

80,00 76,00

Diritto penale dell’informatica

Categoria: Product ID: 19093

Descrizione

Diritto penale dell’informatica

INDICE
Introduzione ………………………………….. . XVII I Curatori e gli Autori ………………………………. . XIX Capitolo I
LE INDAGINI: RICERCA E UTILIZZO DELLE PROVE DIGITALI
di Cesare Parodi, Valentina Sellaroli, Salvatore Lombardo, Lorenzo Ghirardi
1. Premessa: la prova digitale …………………………. . 1
1.1. Il concetto di prova digitale …………………….. . 1
1.2. Prova digitale e strumento investigativo digitale: il rilevamento tramite GPS . 3
1.3. Documento informatico e sistema informatico ……………. . 5
1.4. Il protocollo di indagine “standard” per reati commessi sul web …… . 8
2. L’acquisizione della prova digitale ……………………… . 11
2.1. Le indicazioni operative: la perquisizione ……………… . 11
2.2. Il problema della “macchina accesa” ………………… . 14
2.3. Perquisizione e cloud ……………………….. . 17
2.4. L’accesso alle aree protette ……………………… . 22
2.5. Le copie forensi …………………………… . 23
2.6. L’oggetto dell’acquisizione ……………………… . 27
2.7. In particolare, le “acquisizioni” nei confronti dei giornalisti …….. . 31
2.8. L’acquisizione dei file di log …………………….. . 32
2.9. Gli ostacoli all’identificazione in rete ………………… . 35
2.10. L’acquisizione della prova: deep web e dark web ………….. . 37
2.11. Le intercettazioni di comunicazioni informatiche e telematiche …… . 38
2.12. L’acquisizione tramite captatore e le indicazioni della riforma in tema di
intercettazioni. …………………………… . 43
2.13. L’acquisizione della messaggistica istantanea …………….. . 52
2.14. Messaggistica e decrittazione ……………………. . 57
2.15. L’acquisizione ex art. 234-bis c.p.p …………………. . 61
2.16. L’acquisizione prima dell’indagine …………………. . 68
2.17. Indagini e “internet of things”: gli incidenti stradali …………. . 70
3. La conservazione della prova digitale ……………………. . 74
4. L’utilizzazione della prova digitale ……………………… . 77
4.1. Premessa ……………………………… . 77
4.2. La valutazione sull’ammissibilità ………………….. . 78
4.3. Prova informatica e prova scientifica ………………… . 79
4.4. Gli interventi “integrativi” nel processo di comprensione ………. . 83
4.5. La valutazione del significato probatorio ………………. . 84
5. Gli strumenti di collaborazione internazionale ……………….. . 86
5.1. L’ordine di indagine europeo ……………………. . 86
5.2. Le indicazioni su specifici atti di indagine a mezzo OEI ……….. . 88
5.3. La Convenzione di Budapest sull’assistenza internazionale e il congelamento
dei dati ………………………………. . 90
5.4. In particolare: il sequestro dei siti web: modalità e criticità ……… . 93
Capitolo II
I REATI PATRIMONIALI
di Cesare Parodi
1. La frode informatica ……………………………. . 103
1.1. Premessa ……………………………… . 103
1.2. Gli elementi della fattispecie …………………….. . 104
1.3. La procedibilità e le ipotesi aggravate ………………… . 107
1.4. Rapporto con altre fattispecie ……………………. . 108
1.5. Momento e luogo di consumazione …………………. . 109
1.6. Gli interventi sui programmi di gioco ……………….. . 110
1.7. La casistica in generale ……………………….. . 112
1.8. Telefonia e attività criminali …………………….. . 113
2. Il commercio on line tra inadempimento e truffa ………………. . 115
2.1. Premessa: un fenomeno socio-economico con risvolti penali …….. . 115
2.2. Truffe on line e minorata difesa …………………… . 118
2.3. Gli elementi indicativi della rilevanza penale della condotta …….. . 120
2.4. La valutazione in concreto e i riflessi e sulla procedibilità ………. . 122
2.5. L’indebito utilizzo conseguente alle truffe ……………… . 124
2.6. Frodi informatiche e truffe on line: il problema della competenza territoriale . 125
3. L’accesso abusivo a un sistema informatico o telematico …………… . 128
3.1. Premessa ……………………………… . 128
3.2. Gli elementi della fattispecie …………………….. . 129
3.3. Le caratteristiche del sistema ……………………. . 131
3.4. Il concetto di “abusività” ………………………. . 132
3.5. Il luogo di consumazione del reato …………………. . 136
3.6. Le ipotesi aggravate ………………………… . 138
3.7. In particolare: l’operatore di sistema ………………… . 140
3.8. La casistica …………………………….. . 142
3.9. In particolare: le caselle di posta ………………….. . 144
4. La detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso a sistemi informatici o telematici …………………………………….. . 145
4.1. Gli elementi della fattispecie …………………….. . 145
4.2. Le ipotesi aggravate ………………………… . 148
VI Indice
4.3. Rapporti con altre fattispecie ……………………. . 149
5. La diffusione di programmi diretti a danneggiare o interrompere un sistema informatico (art. 615-quinquies c.p.) ………………………… . 150
5.1. Le finalità della norma ……………………….. . 150
5.2. Gli elementi della fattispecie …………………….. . 151
5.3. Rapporti con altre fattispecie ……………………. . 153
5.4. La casistica …………………………….. . 154
6. L’esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza informatica …….. . 155
6.1. L’inquadramento della fattispecie ………………….. . 155
6.2. Il concetto di violenza sulle cose ………………….. . 157
7. Le frodi assicurative …………………………….. . 159
7.1. Premessa: il fenomeno delle frodi assicurative ……………. . 159
7.2. Le frodi tramite siti irregolari ……………………. . 160
7.3. La qualificazione della condotta e le possibili “precauzioni” …….. . 162
8. Il furto di identità digitale …………………………. . 164
8.1. Il concetto di identità digitale ……………………. . 164
8.2. La sostituzione di persona: premessa ………………… . 166
8.3. Il furto di identità on line ……………………… . 168
9. Gli strumenti di pagamento elettronici e telematici …………….. . 169
9.1. Premessa: le varie tipologie …………………….. . 169
9.2. E-payments e m-payments …………………….. . 171
9.3. Le criticità in tema di sicurezza: phishing e vishing …………. . 172
9.4. Le nuove frontiere dell’illecito: vishing e spear phishing ………. . 173
10. Le commercializzazioni illecite on line …………………… . 174
Capitolo III
I REATI FAMILIARI E RELAZIONALI
di Valentina Sellaroli
1. Lo “spionaggio” familiare tra sociologia e diritto ………………. . 179
1.1. Premessa ……………………………… . 179
1.2. Le fattispecie astrattamente ravvisabili ……………….. . 180
1.3. Le interferenze illecite nella vita privata ………………. . 181
1.4. La presa di cognizione di comunicazioni telefoniche o informatiche. … . 183
1.5. Gli accessi abusivi a un sistema informatico o telematico ………. . 184
1.6. La rilevanza delle condotte illecite e l’utilizzo dei documenti acquisiti… . . . 188
1.7. … segue: utilizzo e violazioni penali. ………………… . 190
2. Gli atti persecutori informatici e telematici …………………. . 193
2.1. Premessa ……………………………… . 193
2.2. Lo stalker ……………………………… . 195
2.3. Il delitto di atti persecutori: l’oggetto della tutela. ………….. . 197
2.4. La descrizione della condotta: le minacce ……………… . 198
2.5. Il delitto di violenza privata …………………….. . 202
2.6. Il concetto di molestie: premessa ………………….. . 203
Indice VII
2.7. Le molestie “ sostanziali”. ……………………… . 206
2.8. L’evento del reato …………………………. . 213
2.9. L’elemento soggettivo del reato …………………… . 215
2.10. Il rapporto tra gli atti persecutori e altre fattispecie …………. . 216
2.11. Le ipotesi aggravate. ………………………… . 218
3. La diffusione illecita di immagini sessualmente esplicite …………… . 218
3.1. Premessa ……………………………… . 218
3.2. Il rapporto tra il revenge porn e altre fattispecie …………… . 220
3.3. L’elemento oggettivo delle fattispecie ………………… . 223
3.4. Il problema del consenso ……………………… . 224
3.5. Le ipotesi aggravate ………………………… . 225
4. Revenge porn e cyber stalking: problematiche comuni …………… . 226
4.1. La procedibilità. ………………………….. . 226
4.2. La facoltà di arresto ………………………… . 231
4.3. I nuovi obblighi di cui alla L. n. 69/2019 ……………… . 233
5. Il cyberbullismo. ……………………………… . 235
Capitolo IV
I REATI INFORMATICI IN AMBITO AZIENDALE
di Costantino De Robbio, Francesco Agnino
1. Premessa: informazioni commerciali e tutela della concorrenza ……….. . 243
2. Strumenti informatici e turbata libertà del commercio e dell’industria ……. . 247
3. Accesso abusivo intraziendale: le indicazioni della S.C …………… . 249
4. La tutela dei segreti …………………………….. . 255
5. Tutela dei marchi e segni distintivi …………………….. . 261
6. Il cybersquatting ……………………………… . 268
7. Furto ed appropriazione indebita di dati informatici …………….. . 272
Capitolo V
PEDOPORNOGRAFIA E REATI IN AMBITO SESSUALE
di Valentina Sellaroli, Salvatore Lombardo, Lorenzo Ghirardi
1. La pedopornografia telematica ……………………….. . 279
1.1. Premessa ……………………………… . 279
1.2. La pornografia minorile ………………………. . 282
1.3. La detenzione di materiale pedopornografico ……………. . 292
1.4. L’adescamento e sfruttamento di minori ………………. . 297
1.5. La pornografia virtuale. ………………………. . 297
1.6. Le aggravanti ……………………………. . 298
1.7. La confisca …………………………….. . 300
2. Il contrasto alla pedopornografia ……………………… . 301
2.1. Le strutture di polizia previste dalla L. n. 269/1998 …………. . 301
VIII Indice
2.2. Le attività di contrasto “tradizionali” ………………… . 305
2.3. La figura dell’agente provocatore ………………….. . 307
2.4. Gli strumenti di contrasto specifici …………………. . 310
3. Le estorsioni a sfondo sessuale ……………………….. . 314
3.1. Approccio su piattaforma social o dating app, registrazione video sessualmente esplicito, ricatto. …………………………. . 314
3.2. L’estorsione avente a oggetto le riprese della vittima in atteggiamenti sessualmente espliciti …………………………… . 318
3.3. Approccio verso vittime vulnerabili (minori). ……………. . 330
Capitolo VI
LA FALSITÀ IN DOCUMENTO INFORMATICO
di Irene Scordamaglia
1. L’art. 491-bis c.p. ……………………………… . 323
1.1. Le ragioni dell’introduzione della norma e le sue vicende modificative. . . . 323
1.2. La natura della norma. ……………………….. . 325
2. La nozione di documento informatico. …………………… . 328
2.1. Documento tradizionale e documento informatico. …………. . 328
2.2. Le varie figure di documento informatico ……………… . 329
3. Gli interventi novellatori sull’art. 491-bis c.p. ……………….. . 332
4. L’efficacia probatoria del documento informatico ……………… . 334
4.1. L’efficacia probatoria del documento informatico nella giurisprudenza civile:
cenni. ……………………………….. . 341
4.2. L’efficacia probatoria del documento informatico nella giurisprudenza penale
di legittimità. ……………………………. . 343
5. L’interpretazione dell’art. 491-bis c.p. nella formulazione vigente ……… . 346
6. La falsità materiale e la falsità ideologica in documento informatico. …….. . 348
7. Il falso in atto pubblico informatico …………………….. . 353
8. Il falso informatico in certificazione o autorizzazione amministrativa …….. . 357
9. Conclusioni ………………………………… . 358
Capitolo VII
I REATI IN TEMA DI COMUNICAZIONI
di Claudio Orazio Onorati, Maria Sofia Cozza
1. Corrispondenza telematica e comunicazione telematica nell’attuale disciplina. Funzione dell’art. 623-bis c.p …………………………. . 361
1.1. Inquadramento della corrispondenza telematica e della comunicazione telematica nell’attuale disciplina. ……………………. . 361
1.2. La tutela della casella di posta elettronica ……………… . 373
2. Violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza “informatica” …… . 378
2.1. Introduzione alla norma. Collocazione sistematica e bene giuridico tutelato . 378
Indice IX
2.2. Condotte incriminate ……………………….. . 383
2.3. Elemento soggettivo ………………………… . 384
2.4. Il secondo comma: la condotta di rivelazione e le cause di non punibilità . . 384
3. Intercettazione, impedimento o interruzione illecita di comunicazioni informatiche o
telematiche ………………………………… . 386
3.1. Introduzione alla norma. Collocazione sistematica …………. . 386
3.2. Bene giuridico tutelato ……………………….. . 390
3.3. Le condotte del primo comma. …………………… . 393
3.4. Intercettazione …………………………… . 394
3.5. Le modalità fraudolente. ………………………. . 397
3.6. Impedimento e interruzione. ……………………. . 399
3.7. La condotta di rivelazione di cui al secondo comma. ………… . 401
3.8. Elemento psicologico del reato. …………………… . 403
3.9. Tentativo. ……………………………… . 406
3.10. Circostanze aggravanti. ………………………. . 406
3.11. L’operatore di sistema. ……………………….. . 409
3.12. Casistica ………………………………. . 410
4. Installazione di apparecchiature atte ad intercettare, impedire o interrompere comunicazioni informatiche o telematiche ……………………. . 411
4.1. Introduzione alla norma. Collocazione sistematica e condotte incriminate . 411
4.2. Casistica ………………………………. . 414
5. Falsificazione, alterazione o soppressione del contenuto di comunicazioni informatiche o telematiche ……………………………… . 417
5.1. Introduzione alla norma. Collocazione sistematica e condotte incriminate . 417
5.2. Le forme più comuni di “intrusione informatica” ………….. . 419
5.3. Casistica ………………………………. . 423
6. Diffusione di riprese e registrazioni fraudolente ………………. . 425
6.1. Collocazione sistematica e bene giuridico ……………… . 425
6.2. Condotte incriminate e soggetto agente ………………. . 427
6.3. Elemento soggettivo ………………………… . 431
6.4. Le cause di non punibilità. …………………….. . 431
6.5. Rapporti con altre fattispecie di reato: Diffamazione (595 co. 3 c.p.). … . 432
6.6. Rapporti con altre fattispecie di reato: Interferenze illecite nella vita privata
(615-bis c.p.). …………………………… . 433
6.7. Rapporti con altre fattispecie di reato: Diffusione illecita di immagini o video
sessualmente espliciti (revenge porn) — art. 612-ter c.p. ………. . 434
7. Rivelazione del contenuto di documenti informatici segreti …………. . 436
7.1. Introduzione alla norma. Collocazione sistematica e bene giuridico tutelato. . 436
7.2. Gli elementi costitutivi della fattispecie ……………….. . 437
7.3. Le cause di non punibilità ……………………… . 441
7.4. L’art. 623-bis c.p. e sue applicazioni pratiche ……………. . 442
X Indice
Capitolo VIII
IL RICICLAGGIO E L’AGGIOTAGGIO TELEMATICO
di Cesare Parodi, Salvatore Lombardo, Lorenzo Ghirardi
1. La “rete” e il riciclaggio. ………………………….. . 445
1.1. Le indicazioni generali del D.Lgs. n. 231/2007 …………… . 445
1.2. Le possibilità di riciclaggio online ………………….. . 449
1.3. Le indicazioni del D.Lgs. n. 231/2007 in tema di servizi di gioco. ….. . 452
1.4. Riciclaggio e traffico telefonico …………………… . 454
2. Il riciclaggio derivante dal “man in the middle” ………………. . 455
2.1. Premessa: il fenomeno “man in the middle” …………….. . 455
2.2. Le criticità investigative e la qualificazione dei fatti …………. . 457
3. Tecnologia blockchain, monete virtuali e riciclaggio …………….. . 461
3.1. Premessa. ……………………………… . 461
3.2. La tecnologia blockchain. ……………………… . 462
3.3. Le cripto valute …………………………… . 465
3.4. Cripto valute: natura giuridica e ruolo nel mercato. …………. . 467
3.5. Monete virtuali e riciclaggio: premessa ……………….. . 469
3.6. Valute virtuali e disciplina antiriciclaggio il D.Lgs. n. 90/2017 ……. . 471
3.7. Il recepimento della Direttiva 2018/843/UE: il D.Lgs. n. 125/2019 …. . 474
3.8. Le modalità di sequestro delle valute virtuali ……………. . 476
4. L’aggiotaggio “telematico” …………………………. . 479
4.1. Premessa: i valori finanziari e le comunicazioni telematiche …….. . 479
4.2. Il delitto di aggiotaggio ex art. 2637 c.c. ………………. . 481
4.3. L’aggiotaggio telematico: problemi interpretativi ………….. . 484
Capitolo IX
LA DIFFAMAZIONE A MEZZO WEB
di Eugenio Albamonte
1. Premessa. …………………………………. . 487
2. La responsabilità penale dei media di comunicazione on line ………… . 489
2.1. Principi generali ………………………….. . 489
2.2. I quotidiani e le testate giornalistiche on line. ……………. . 490
2.3. La responsabilità degli internet service provider e dei gestori di piattaforme
web ………………………………… . 495
2.4. I blog. ……………………………….. . 498
2.5. La responsabilità derivante dalla pubblicazione di contenuti sui social network ……………………………….. . 500
3. Le scriminanti e la loro applicazione alle comunicazioni tramite piattaforme web e
social network. ………………………………. . 504
3.1. L’operatività delle scriminanti. …………………… . 504
3.2. Il diritto di critica sui social network e nelle piattaforme commerciali. . . . 509
3.3. La verità del fatto, il citizen journalism e le fake news. ……….. . 511
Indice XI
3.4. L’interesse generale e il diritto all’oblio. ………………. . 516
3.5. La continenza verbale, il linguaggio dell’odio e il body shaming. …… . 518
Capitolo X
LA TUTELA DEL DIRITTO D’AUTORE
IN AMBITO INFORMATICO/TELEMATICO
di Simona Lavagnini
1. La tutela dei programmi per elaboratore. ………………….. . 523
1.1. Alcune nozioni preliminari: Il software fra diritto d’autore, segreto e brevetto ………………………………… . 523
1.2. La tutela del software come opera dell’ingegno …………… . 524
1.3. Le licenze d’uso: le formule tradizionali (a tempo illimitato e con unico
pagamento iniziale) e i relativi illeciti. ……………….. . 526
1.4. La teoria del software usato e l’esaurimento del diritto di distribuzione. . . . 529
1.5. I contratti open source. ………………………. . 532
1.6. Le nuove forme di messa a disposizione del software e conseguenti nuovi
illeciti ……………………………….. . 533
1.7. Il contrassegno ex art. 181-bis l.a., la dichiarazione identificativa sostitutiva e
le esenzioni …………………………….. . 534
1.8. Le misure tecnologiche di protezione. ……………….. . 539
2. La duplicazione abusiva. Software e licenza d’uso. ……………… . 540
2.1. La fattispecie penale – art. 171-bis l.a. ……………….. . 540
2.2. L’abusività, con particolare riguardo al regime delle eccezioni e ai rapporti
contrattuali …………………………….. . 541
2.3. La condotta di duplicazione …………………….. . 543
2.4. Le condotte di importazione, distribuzione, vendita, concessione in locazione; la condotta di detenzione e lo scopo commerciale o imprenditoriale. . . 546
2.5. Il dolo specifico dello scopo di profitto ……………….. . 547
2.6. La presenza/assenza del contrassegno ……………….. . 550
2.7. L’elusione delle misure tecniche di protezione (unicità del fine) …… . 551
2.8. Altre condotte …………………………… . 552
3. La tutela delle banche dati – Il concetto di “banca dati” – Le violazioni ……. . 553
3.1. Alcune nozioni preliminari – Le banche di dati protette come opere dell’ingegno ex art. 1 l.a. ………………………….. . 553
3.2. Le banche di dati oggetto di diritto sui generis ex art. 102-bis l.a ….. . 558
3.3. Le banche di dati non protette. …………………… . 561
3.4. La fattispecie penale: il fine di profitto e il contrassegno SIAE – rinvio. . . . 562
3.5. Le condotte sanzionate in relazione alle banche di dati opere dell’ingegno. . 562
3.6. Le condotte sanzionate in relazione alle banche di dati oggetto di diritto sui
generis: estrazione o reimpiego di dati in violazione degli artt. 102-bis e 102-ter
l.a. …………………………………. . 565
4. La tutela delle opere musicali, cinematografiche, letterarie e multimediali. ….. . 568
4.1. Alcune nozioni preliminari …………………….. . 568
XII Indice
4.2. Gli illeciti commessi online: fenomenologia delle ipotesi più ricorrenti (peerto-peer, siti pirata, cyber locker, stream ripping, social networks) ….. . 573
4.3. Gli intermediari e la responsabilità …………………. . 578
4.4. La fattispecie penale: l’uso non personale, il fine di lucro, l’abusività delle
condotte ……………………………… . 583
4.5. Le condotte del primo comma …………………… . 584
4.6. Le condotte del secondo comma ………………….. . 586
4.7. L’art. 171-quater l.a. ………………………… . 588
5. La tutela del settore televisivo ……………………….. . 590
5.1. Gli illeciti in campo televisivo: fenomenologia, con particolare riguardo alle
IPTV abusive ……………………………. . 590
5.2. Le condotte illecite …………………………. . 591
Capitolo XI
I DANNEGGIAMENTI INFORMATICI
di Ivan Salvadori
1. Premessa ………………………………….. . 595
2. Ambito e scopo della trattazione ………………………. . 598
3. La sicurezza informatica ………………………….. . 599
4. I danneggiamenti di dati e di sistemi informatici “privati” ………….. . 601
4.1. Il danneggiamento di dati e di programmi informatici. ……….. . 601
4.2. L’oggetto materiale del reato …………………….. . 604
4.3. L’altruità dei dati e dei programmi informatici ……………. . 606
4.4. L’elemento soggettivo ……………………….. . 607
4.5. Momento consumativo e tentativo …………………. . 607
4.6. Il danneggiamento di sistemi informatici o telematici. ……….. . 608
4.7. L’oggetto materiale del reato …………………….. . 610
4.8. L’elemento soggettivo ……………………….. . 611
4.9. Momento consumativo e tentativo …………………. . 611
5. I danneggiamenti di dati e di sistemi informatici “pubblici” …………. . 611
5.1. I delitti di attentato a dati e sistemi informatici “pubblici” ……… . 611
5.2. L’oggetto materiale del reato …………………….. . 613
5.3. Elemento soggettivo ………………………… . 613
5.4. Momento consumativo e tentativo …………………. . 613
5.5. Il danneggiamento di dati e di sistemi informatici “pubblici” …….. . 614
5.6. L’oggetto materiale del reato …………………….. . 614
5.7. L’elemento soggettivo ……………………….. . 615
5.8. Momento consumativo e tentativo …………………. . 615
6. La diffusione di apparecchiature dirette a danneggiare dati o sistemi informatici . . 615
6.1. L’oggetto materiale del reato …………………….. . 617
6.2. L’elemento soggettivo ……………………….. . 617
6.3. Momento consumativo e tentativo …………………. . 617
7. Trattamento sanzionatorio e circostanze aggravanti …………….. . 618
Indice XIII
8. I rapporti con altri reati …………………………… . 620
9. Responsabilità amministrativa degli enti ………………….. . 621
Capitolo XII
INFORMATICA E TUTELA DELLA RISEVATEZZA
di Giuseppe Vaciago, Nicole Monte
1. Introduzione: GDPR e reati a tutela della riservatezza ……………. . 623
2. Dati personali, trattamento e valore economico dei dati personali ……… . 628
3. Titolare del trattamento dei dati personali e responsabile. Principio di accountability
e posizione di garanzia …………………………… . 633
4. Art. 167 D.Lgs. 196/2003 – Trattamento illecito di dati personali: la disciplina previgente e l’interpretazione della Cassazione nel caso Google vs. Vividown …… . 640
5. Art. 167 D.Lgs. 196/2003 e sanzioni penali nel GDPR ……………. . 649
5.1. Le nuove fattispecie previste dall’art. 167 D.Lgs. 196/2003: le principali
modifiche ……………………………… . 651
5.2. L’elemento soggettivo del reato: i destinatari del precetto ………. . 654
5.3. La condotta perseguita: gli obblighi violati ……………… . 656
5.4. Successioni di leggi penali nel tempo: continuità normativa nel reato di
trattamento illecito …………………………. . 658
5.5. Le fattispecie di reato relative al trattamento “su larga scala” …….. . 661
6. Art. 167 D.Lgs. 196/2003 e art. 615-ter codice penale: concorso tra reati ….. . 663
7. Fattispecie penali in materia di comunicazioni al Garante ………….. . 666
7.1. Inosservanza di provvedimenti del Garante: punti in comune con il reato 168
D.Lgs. 196/2003 ………………………….. . 668
8. Il rapporto tra l’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali e l’Autorità
Giudiziaria …………………………………. . 669
9. Il contesto europeo in materia di protezione dei dati in ambito di polizia e di giustizia
penale …………………………………… . 671
9.1. La Direttiva 2016/680/UE di diritto dell’UE sulla protezione dei dati in ambito
di polizia e giustizia penale ed il recepimento in Italia con il D.Lgs. 51/2018 . 673
10. Le norme sul controllo a distanza previste dallo Statuto dei lavoratori ……. . 678
11. Riservatezza e tecnologia: conclusioni conclusive ……………… . 680
Capitolo XIII
DATA RETENTION E GIUSTIZIA PENALE IN ITALIA
di Roberto Flor
1. Introduzione: le fonti della c.d. data retention ……………….. . 683
2. Data retention e contesto europeo: un excursus “storico” (alea iacta est) …… . 685
3. Law in the book: l’interpretazione dell’art. 132 codice privacy alla luce delle fonti
europee ………………………………….. . 691
XIV Indice
3.1. Primo rilievo: i tempi di conservazione dei dati di traffico telefonico e telematico ………………………………… . 691
3.2. Secondo rilievo: le modalità di acquisizione dei dati di traffico telefonico e
telematico e, in particolare, l’intervento del Pubblico Ministero …… . 692
3.3. Terzo rilievo: la « finalità di accertamento e repressione dei reati » …. . 694
3.4. Osservazioni critiche ………………………… . 695
4. Law in action: i più recenti orientamenti giurisprudenziali riguardanti l’acquisizione
dei dati di traffico telefonico o telematico ………………….. . 697
4.1. Gli orientamenti “salvifici” ……………………… . 697
4.2. La parola alla difesa ………………………… . 700
5. Bene iudicat qui bene distinguit. Quali prospettive? …………….. . 706
Capitolo XIV
CYBERCRIME E DIRITTO PENALE
di Lorenzo Picotti
1. Rivoluzione cibernetica e diritto penale …………………… . 709
2. Dai Computer crime ai Cybercrime: la criminalità nel Cyberspace ……… . 712
3. Il web interattivo ed il doppio ruolo degli utenti autori e vittime di reati cibernetici:
nuovi beni giuridici e diritti fondamentali da proteggere penalmente ……. . 716
4. Osservazioni conclusive: necessità di adeguamento delle categorie del diritto penale e
di potenziamento delle posizioni di garanzia nel Cyberspace ………… . 719
Indice analitico …………………………………. . 725

Informazioni aggiuntive

Autore

Editore

Edizione

Pagine

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Diritto penale dell’informatica”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *